Le avventure nel mondo, si imparano da piccoli!

E’ importante che i nostri figli, sin da piccoli, imparino a stare con i coetanei e, pur tra i nostri mille impegni, noi genitori dobbiamo far di tutto per favorire gli incontri con gli altri bambini. I bambini di oggi quando sono costretti a restare a casa e non possono vedere i loro amichetti, giocano per lo più con la playstation e il cellulare. Quando invece ero io bambina ero sempre in giro a giocare, in bici e con i miei amichetti, al parchetto, esploravamo il nostro piccolo mondo. Da lì nacque la mia passione per l’avventura ed i viaggi. I bambini, sin da piccoli, hanno la necessità di stare con gli altri: fa parte dello “statuto ontologico” dell’essere umano! Come abbiamo gambe per camminare e corde vocali per parlare, abbiamo anche bisogno di connetterci con gli altri ed entrare in sintonia con loro. Che vanno allenati proprio come le gambe o le corde vocali. E l’allenamento migliore lo offre proprio la socializzazione.
Le occasioni di incontrare gli amici sono molto importanti, altrimenti poi subentra l’abitudine di stare tra le mura domestiche, soprattutto se ci sono tanti bei giochini tecnologici che permettono di trascorrere tanto tempo. E magari anche di entrare in contatto virtuale con gli altri.
Ma non è la stessa cosa che incontrare gli amici di persona. Non è chattando con gli amici che si fa vita sociale. In una chat posso mandarti una faccina sorridente quando invece sto piangendo, perché c’è lo schermo che fa da copertura. I bambini hanno anche bisogno di guardarsi negli occhi, di capire il linguaggio verbale e non verbale ma soprattutto rispecchiarsi negli stati d’animo dell’altro. Stando insieme ad un amico il bambino può scoprire che non è l’unico a provare certe emozioni, che anche l’altro ha paure, vergogne, speranze, gioie simili alle sue. Proprio in un’età, come quella della crescita, in cui capita facilmente di sentirsi diversi, incerti e soli con il proprio mondo interiore. Poter condividere un’emozione o un problema con gli amici, significa avere l’opportunità di trovare insieme una soluzione. O, semplicemente, ridimensionarlo e non averne più paura. E sviluppare quel coraggio che da grandi ti permette di osare attraversare oceani e fare tante avventure nel mondo!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *